Blog

  • Home
  • Blog
  • Scoperti a Saqqara oltre 100 bare e sarcofagi egizi e tolemaici (Il Fatto Storico)

Scoperti a Saqqara oltre 100 bare e sarcofagi egizi e tolemaici (Il Fatto Storico)

  • di Grazia Pattumelli
  • 16 Nov 2020 alle 10.58

Egitto Saqqara 100 Sarcofagi

Condividi:
Una nuova enorme scoperta archeologica a Saqqara ha portato al ritrovamento di oltre 100 bare di legno intatte con geroglifici, scene dipinte a colori vivaci e mummie ben conservate all’interno. Vi erano anche 40 statuette dorate della divinità Ptah-Sokar, dio funerario della necropoli di Saqqara, 20 cassette canopiche di legno e molti altri reperti. È lo stesso luogo delle precedenti scoperte di settembre e ottobre. Saqqara è uno dei siti più importanti della necropoli dell’antica città di Menfi, la prima capitale d’Egitto.

I ritrovamenti: bare, statuette e molto altro

Gli archeologi egiziani hanno trovato altri “pozzi funerari pieni di bare, ben dorati, ben dipinti, ben decorati”, ha detto ai giornalisti Mostafa Waziri, segretario generale del Consiglio Supremo delle Antichità. Le bare sono ancora sigillate e alcune contengono mummie. Vi erano inoltre 40 statuette di legno del dio Ptah-Sokar (alcune con parti dorate), 20 cassette canopiche di legno dedicate a Horo, un gran numero di ushabti e amuleti, 4 maschere in cartonnage dorato e 2 statuette in legno di acacia di un sacerdote di nome “Phnomus”; una è alta 75 cm, l’altra 120. Il ministro del turismo e delle antichità, Khaled el-Anany, ha dichiarato che risalgono al Periodo tardo (664-332 a.C.) e alla dinastia tolemaica (320 a.C.-30 a.C.). Durante la conferenza stampa, una bara è stata aperta e la mummia all’interno è stata scansionata con una radiografia. Mostafa Waziry ha spiegato che si tratta di un uomo deceduto tra i 40 anni e i 45 anni di età, alto 165-175 cm. I ritrovamenti saranno esposti in 4 musei diversi: il Grande Museo Egizio (che aprirà nella seconda metà del 2021), il Museo Nazionale della Civiltà Egizia, il Museo Egizio in piazza Tahrir e il museo della futura capitale d’Egitto.

La situazione di Saqqara

Saqqara è un ricco sito archeologico pieno di misteri che vengono rivelati al mondo ogni tanto. Questa è solo l’ultima di una serie di scoperte. Tra settembre e ottobre, nella stessa area del bubasteon, gli archeologi avevano scavato 59 bare della XVI dinastia. Nel 2018 era stata trovata l’eccezionale tomba di Wahtye. Khaled El Enany ha preannunciato un’altra scoperta entro la fine dell’anno o inizio anno prossimo, mentre un’altra, fatta da Zahi Hawass, verrà comunicata fra alcune settimane. Saqqara fa parte della vasta necropoli dell’antica capitale egizia di Menfi, che comprende circa 13 piramidi tra quelle di Giza e quelle più piccole nei siti di Abu Sir, Dahshur e Abu Rawash. Re, cittadini di alto rango e alti funzionari furono sepolti insieme alle loro famiglie dall’epoca faraonica a quella greca e romana. Vi sono anche monasteri più recenti e le più grandi necropoli di animali. L’Egitto pubblicizza spesso le sue scoperte archeologiche nella speranza di stimolare il turismo che si stava riprendendo dopo la rivolta del 2011, ma che quest’anno è stato colpito dalla pandemia di coronavirus. Solo ad ottobre sono stati inaugurati tre musei archeologici in Egitto, ed entro quest’anno è prevista l’apertura di una nuova galleria nel Museo Nazionale della Civiltà Egizia.

Links and Media